Reflusso gastro-esofageo
Alcuni dei disturbi più frequenti dell’era moderna sono collegati allo stomaco: bruciori, gonfiori, difficoltà digestive, ecc che esprimono una gastrite, ovvero un’infiammazione dell’epitelio dello stomaco, un reflusso dallo stomaco all’esofago e l’immancabile ernia iatale.
Tutti questi sintomi o questi disturbi sono attribuiti ad una iperacidità gastrica, ma siamo davvero sicuri che sia così?
Gli ultimi studi negano che vi sia una tendenza a diminuire la produzione acida andando avanti con l’età ma tale condizione si può presentare anche in persone giovani1. I dati sembrano testimoniare  un aumento importante di gastrite atrofica2  in persone sopra i 65 anni.
I sintomi di una carenza acida a livello gastrico sono paradossalmente gli stessi di un eccesso: il cibo permane più a lungo nello stomaco causando cattiva digestione (dispepsia), pesantezza, bruciore, rigurgiti ecc ovvero quei sintomi che sono tipici del reflusso gastro-esofageo.
Inoltre la cattiva digestione causa conseguenze anche a livello intestinale con deficit di assorbimento di nutrienti (ad es vit B12), conseguenze sistemiche come anemia, alterazione della flora batterica e proliferazione di germi patogeni che passano più facilmente attraverso lo stomaco.
In coloro nei quali i vari disturbi sono fondamentalmente espressione di un'alterazione funzionale e non di una patologia importante gli ultimi studi e linee guida consigliano un uso limitato nel tempo dei trattamenti con tali farmaci.
In questi casi è utile seguire una corretta alimentazione specifica e l’integrazione con nutrienti su base vegetale che supportino la capacità digestiva deficitaria dello stomaco oltre a stimolare il trofismo della mucosa. L’auricoloterapia fornisce uno strumento molto utile a sostenere lo stomaco e la sua capacità digestiva, così come il massaggio cinese tratta l’aspetto energetico del disturbo migliorando i sintomi in tempi brevi


1https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/9272898
2 https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/3771980

 

 

Studio Salute, Scandicci (FI)

Per consulti chiamare il 320 95 22 446

Condividi